10 cose da sapere su S.Valentino

14 Febbraio 2018

1) NEL MEDIOEVO-La festa di San Valentino ha origini molto lontane: con il passare degli anni ogni paese ha deciso di celebrare tale giorno in maniera diversa, tuttavia nel medioevo si usava festeggiare il 14 Febbraio con una celebrazione che aveva i caratteri di una vera e propria cerimonia: uomini e donne-solitamente di alto rango-accorrevano e davano luogo a una estrazione di bigliettini che avrebbe decretato la scelta delle coppie per il ballo. Per rendere visibile l’esito del bigliettino, avrebbero dovuto porre il foglietto sulla manica del proprio abito.

san valentino medioevo

2) SAN VALENTINO-Secondo la leggenda, San Valentino era un prete romano vissuto nel terzo secolo d.C. L’imperatore Claudio II aveva vietato i matrimoni poichè riteneva che gli uomini sposati fossero cattivi soldati: il santo iniziò quindi a celebrare matrimoni in segreto. A causa di ciò San Valentino fu condannato a morte. Sempre secondo quanto si narra, proprio in carcere Valentino si innamorò della figlia del carceriere e mandò a lei-il giorno prima dell’esecuzione, 14 Febbraio- una lettera di addio firmata “Dal tuo Valentino”. 

3) LA DATA UFFICIALE-La festa di San Valentino del 14 Febbraio fu fondata nel 496 d.C. da Papa Gelasio I, il quale citava il santo tra coloro “Il cui nome è giustamente riverito tra gli uomini, ma i suoi atti sono noti solamente da Dio”. 

4) LE RELIQUIE-Il cranio del santo romano, circondato da una corona di fiori, è custodito nella chiesa di Santa Maria in Cosmedin a Roma, in Piazza Bocca della Verità. La facciata di tale chiesa è stata ristrutturata sotto il papato di Callisto III, in un periodo medievale che vedeva il fiorire di chiese in stile gotico come la stupenda cattedrale di York, che puoi visitare grazie ai programmi di MB Scambi Culturali

5) BIGLIETTINI ANONIMI E ROSE-L’usanza di spedire bigliettini anonimi nasce in età vittoriana, così come quella di mandare mazzi di rose. Perchè le rose? Perchè erano il fiore preferito di Venere, la dea dell’amore. Al giorno d’oggi nel giorno di San Valentino vengono venduti in tutto il mondo oltre 60 milioni di rose.

6) SAN VALENTINO IN BRASILE-In Brasile il patrono dell’amore non è San Valentino, bensì Sant’Antonio da Padova. La festa viene quindi celebrata non a Febbraio ma il 12 Giugno, giorno della festa del Santo, considerato il protettore dei matrimoni.

7) SAN VALENTINO IN KENYA-In Africa, più precisamente in Kenya, vige una tradizione particolare. Nel giorno di San Valentino infatti le donne regalano al proprio sposo una zucca piena di vino di palma, e l’innamorato ricambia con un pezzo di focaccia al tiglio. Dopo aver effettuato lo scambio di doni, il rito viene celebrato dalle coppie innamorate bevendo insieme da una coppa, che suggella così il loro amore.

8) PAESI SCANDINAVI E SUDAMERICA-In Finlandia, Svezia, Norvegia e Danimarca il giorno di San Valentino non è visto come la festa degli innamorati ma come la giornata dell’amicizia: si usa infatti celebrare il 14 Febbraio regalando un mazzo di fiori bianchi agli amici, fiori noti come “snowdrops”. I sudamericani celebrano sia l’amore che l’amicizia, ritenendo infatti il giorno di San Valentino come “el dia del amor y la amistad”.

9) GIAPPONE-Nel Sol Levante c’è un altro modo per celebrare San Valentino, ovvero regalandosi dei cioccolatini. Questo avviene sia tra fidanzati che tra marito e moglie, ma chi dona i cioccolatini è la femmina. Il maschio dovrà poi ricambiare un mese dopo, il 14 Marzo, donando all’amata del cioccolato bianco

San Valentino cioccolatini

10) ALCUNI NUMERI-Si calcola che in media ogni anno vi siano in tutto il mondo oltre 220mila proposte di matrimonio nel giorno di San Valentino. 

 

Facebooklinkedin