DAY#16: un’italiana a Bournemouth

27 luglio 2015

Ultimo lunedì a Bournemouth per me. È appena iniziata la settimana della partenza: sabato sarò in volo e tornerò alle calde temperature italiane. Intanto mi godo il fresco (leggi “freddo”) di questo sedicesimo giorno inglese. No, non riesco davvero ad abituarmi a questo meteo ballerino che oscilla tra sole (poco), pioggia (spesso), fresco, freddo, molto freddo, caldo primaverile, nuvole e ancora sole (tiepido) e così via. Anyway. Eccoci all’ultima settimana di lezioni che proseguono come al solito tra momenti più o meno interessanti ma sempre comunque utili per il mio inglese. Anche per oggi i compiti a casa sono stati fatti e tra poco scriverò un altro post per il blog inglese: non ne vado molto fiera (sembra scritto da una undicenne che ha problemi con le subordinate e per questo non le usa) ma è pur sempre un modo per migliorare la lingua (anche se non avrei creduto di doverlo fare di fronte al mondo intero).

Oggi pranzo da Starbucks. Si cercava un posto caldo dove mangiare velocemente senza spendere troppo ed eccoci qui. Ok. Posto interessante: gente che lavora, studia, parla, passa il tempo e beve cose che non sono caffè. Ecco perché in Italia non ci sarà mai posto per una catena così: non me ne vogliano gli ammiratori ma un buon espresso al bar non può essere battuto da Frappuccini e Iced Caramello Macchiato. In ogni caso, il pranzo è andato, nel bene e nel male. A seguire Laboratorio di Lingua dove esercitarsi nella listening: un corso di lingua inglese comprende anche questo ed il College lo offre gratuitamente ai suoi studenti. Per finire un salto da Marks & Spencer, interessante supermercato dove comprare un paio di scarpe e un pollo da cucinare per il pranzo: per me una giacca e tutto l’occorrente per la mia cena italiana. Venerdì cucinerò per le mie sorelle inglese un piatto di pasta al pomodoro, niente di più semplice, niente di più buono. Carote, cipolla, sedano, peperoncino (o qualcosa di molto simile), pomodorini (del Kent, ma andranno bene così), pasta (di Marks & Spencer), Parmigiano Reggiano (proprio lui): il tutto per la modica cifra di 13 sterline. Speriamo almeno nel risultato (vi aggiornerò). Ora vado. Sento rumori dalla cucina: credo che la cena sia pronta. See you tomorrow!    

 

Scopri i corsi in Gran Bretagna e parti subito:

Partenze individuali

Facebooklinkedin