DAY#15: un’italiana a Bournemouth

26 luglio 2015

Non tutte le giornate escono con il buco e oggi è una di quelle. Tour all’Isola di Wight sotto la pioggia: visto poco ma almeno posso dire di esserci stata.

Isola di WightQuindicesimo giorno in terra straniera. Sono le 21 e mi sento piuttosto stanca: la sveglia stamattina è suonata alle 7.15 e ieri sera s’è fatto tardi insieme agli amici delle mie sorelle inglesi. Ho aperto la finestra ed il tempo non prometteva bene ed ha mantenuto le sue promesse: l’Isola di Wight l’ho vista tra vento, pioggia, nebbia e un freddo che mi ha fatto rimpiangere il caldo asfissiante di cui tutti mi parlano dall’Italia. Peccato! In compenso sono riuscita a godermi lo spettacolo di Alum Bay, una baia incredibile che assomiglia alle celebri bianche scogliere di Dover: rocce a strapiombo sul mare azzurro e tempestoso. E anche un altro angolo niente male in un porticciolo con vista mozzafiato. Consiglio finale? Se siete in zona e siete curiosi di visitare l’isola non prenotate alcun tour organizzato: aspettate con ansia la giornata migliore, partite e godetevi così il suo fascino. Per il resto? Per il resto continuo a vedere macchine che camminano da sole o che vengono guidate da bambini: non mi abituerò mai alla guida britannica. Continuo a stupirmi di quanto sia migliorata la cucina locale o forse di quanto sia diventata brava io a scegliere i locali dove mangiare: ad ogni modo tornerò a casa soddisfatta e ingrassata. E soprattutto continuo a stupirmi di quanto il tempo sia volato: domani inizia la mia ultima settimana qui e ricordo come fosse ieri la sensazione di terrore all’idea di atterrare da sola in Inghilterra non sapendo cosa aspettarmi. E invece eccomi qui, a sei giorni dal rientro in patria e con la malinconia già pressante (sarà la pioggia e il cielo grigio di oggi). Ma ora sono ancora qui e ora devo scrivere per il blog del College. Da Bournemouth è tutto. Saluti.

 

Scopri i corsi in Gran Bretagna e parti subito:

Partenze individuali

Facebooklinkedin